Pubblicazioni

39 articles in category Pubblicazioni / Subscribe

Le nuove povertà e l’accoglienza agli immigrati

 

 

 

 

L’altro giorno, al corso, appoggiato al muro, dov’era una volta la sede del partito socialista italiano, stava un anziano della città.  Abiti dignitosi anche se un po’ logori , un cappello in una mano, sull’altra una ciotola accostata al corpo, non protesa in avanti, come se la funzione a cui era deputata dovesse essere solo accennata, perché non abituale o addirittura mai fatta prima, e comunque non acquisita o per via della non consuetudine o per tratto caratteriale, o per un vissuto , per una storia di vita che …

Read more →

La donna che doveva operarsi

 

Al bar a bere un caffè, dopo il congresso partecipato da medico-paziente, un po’ defilato, saluti di falsa cortesia.                                  Operazioni in diretta con la sala convegni, complimenti tra l’operatore e i colleghi della sala.       E’ gente, questa che forma la comunità dei chirurghi, che nasconde, dietro sorrisi di rito e pacche sulle spalle, invidie e rancori, e contese feroci per incarichi di prestigio, o per accaparrarsi pazienti-clienti.  Accanto a me sorbisce un caffè una donna malmessa , occhi malati, ciabatte sgualcite, veste da camera approssimativa.      E’ scesa dal reparto , la devono operare domani, me …

Read more →

La chirurgia come mestiere o come scienza ed arte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La chirurgia ha come premessa la perfetta conoscenza dell’anatomia. Ma non basta.  Perché il gesto del chirurgo sia corretto, occorre riconoscere al di sotto dei piani anatomici la struttura embriologica che precede l’anatomia definitiva. Se si procede su questi piani l’intervento è esangue e più veloce e l’atto chirurgico diventa anche bello come fosse un’opera d’arte.  Così abbiamo visto fare dai grandi maestri che la nostra generazione ha tentato di imitare. Ora con l’armamentario tecnico a disposizione si potrebbe fare anche meglio …

Read more →

Una giornata di lavoro

Vado in Ospedale preoccupato: bisognerà vedere che evoluzione avrà quella ragazza operata per occlusione intestinale.    Era una situazione congenita di “mesenterium commune” e diverticolo di Meckel che avevano causato una dilatazione enorme dell’intestino a monte.    Vi abbiamo posto riparo secondo quanto le conoscenze consolidate sull’argomento, suggeriscono, ma quale sarà il risultato?  Bisogna operare quella signora che parla francese, è stata tutta la vita in Francia per lavoro, si riposava fumando “Gouloises” e bevendo “Pastis”, a sessantacinque anni ha le arterie di una novantenne e un piede che sta andando in gangrena.   Bisognerà fare un patch sull’arteria …

Read more →

 

 

 

La signora delle case popolari basse

Abitava in un piccolissimo quartiere, agglomerato di pochi edifici che chiamavano le case popolari basse, tirate su in fretta dopo la guerra a dare un tetto ai senza casa, scampati dalle macerie delle abitazioni distrutte dai bombardamenti.     Ma c’era anche gente che veniva da fuori con storie nascoste da dimenticare.    Povertà ed eredità genetiche  avevano prodotto una progenie infelice come si chiamavano allora i diversamenti abili di oggi: molti ritardati e frenastenici, neurolesi ed oligofrenici.     Quelli normali, con una forte passione per la devianza e la violenza.         Uno dei molti che …

Read more →

 

 

 

Un libro di monsignor Bartoletti pubblicato anni fa, di cui scrivemmo una recensione su un giornale regionale. Lo riproponiamo per mantenere viva la memoria di questo grande uomo del nostro territorio.

AGOSTINIANI A SIGILLO

Si tratta di una ricerca storica ponderosa e minuziosa che ha richiesto anni di lavoro su archivi e fonti documentarie difficili da trovare, e che solamente la sagacia e perseveranza dell’autore ha permesso di realizzare.                                  E’ un esempio di storia minimalista, dove l’oggetto della ricerca è un convento agostiniano di un piccolo paese dell’Umbria: Sigillo.     Si raccontano le mura, gli arredi, gli uomini, …

Read more →

La nostalgia ipocrita del mondo contadino

 

 

La comprensione dei fatti e delle idee contemporanee è difficile, e questa difficoltà interpretativa finisce per colorare il presente di una nota negativa, che ci fa dire oggi come ieri, con un’espressione logora e che significa tutto e niente, che il mondo è in crisi.   Dibattiti, analisi, prospettive cercano di far chiarezza, ma raramente si riesce ad arrivare ad una conclusione.  E d’altra parte sarebbe impossibile, giacché il presente è divenire e l’attimo che stiamo vivendo è già contemporaneamente passato e futuro, vissuto da archiviare e futuro da inventare.   Per questa difficoltà …

Read more →

                    Una domenica

Non è più un paese, non lo è mai stato , un gruppo di case intorno alla ferrovia e all’acqua minerale, l’acqua di Nocera Umbra della premiata ditta Bisleri di Milano.    Produceva anche un liquore il Ferro-China Bisleri che davano ai bambini gracili:    ferro + acqua di nocera+ alcool= una bomba.      Chi sa che ne direbbero oggi?    Poi Bisleri morì e l’azienda passò di mano senza più il prestigio del fondatore;  poi le acque diminuirono per la captazione selvaggia che cominciarono a fare  i perugini, che in cima al colle da cui hanno da sempre dominato l’Umbria con …

Read more →

Il malato calabrese

Erano venuti la notte dalla Calabria: il malato, e i famigli, uomini e donne in numero cospicuo .   Lui era stato operato alcuni mesi prima da noi o meglio dal professore, io ero stato il suo aiuto.  Ci trovavamo lì di nuovo in quella clinica per una serie di interventi.   Il malato calabrese stava bene, non aveva problemi, però voleva quella visita di controllo e con lui si era spostato tutto il clan.    La fiducia nei nostri confronti era totale e incondizionata, solo noi potevamo vederlo, solo noi non altri . Non era giorno di visite o …

Read more →